IS Muri - IS MC

     

Single Image

Versione DEMO

 

Video

 

Manuale Utente

 

Relazione di calcolo

 

Disponibile in inglese

IS Muri è il software dedicato all’analisi a elementi finiti, secondo le NTC 2008 e gli Eurocodici, di muri controterra a sezione costante o variabile, con contrafforti, denti, pali e tiranti.
La geometria dell’opera può essere qualunque, prevede la presenza di una scarpa a monte e/o a valle, avente spessore variabile, e consente di assegnare un’inclinazione alla scarpa stessa e ai paramenti interno e esterno; è possibile calcolare muri di cantina.
Tramite l’utilizzo delle icone presenti a schermo, delle finestre laterali suddivise per aree di pertinenza e del doppio click sugli elementi interessati è possibile modificare a piacimento la geometria dell’opera di sostegno. La possibilità di scegliere le diverse visuali consente in modo semplice e rapido di modificare la dimensione e l'inclinazione del fusto, della fondazione e della profondità del muro.

 

Il programma propone in automatico degli schemi di armatura predefiniti che l’utente può modificare e personalizzare in modo semplice, adattandoli alle sue esigenze e salvandoli anche per lavori successivi. Ogni schema riporta l’indicazione circa l’idoneità o meno nei confronti della geometria dell’opera. Una volta effettuata la scelta dello schema si visualizzano i ferri, ma potranno ancora essere apportate modifiche variandone il numero, il diametro e le coordinate.
Tramite apposite finestre di visualizzazione è possibile visionare l’armatura in sezione sia nella parte dell’elevazione che nella parte della fondazione per l’intero sviluppo del muro. La tavola dell’armatura, creata in automatico, può essere esportata in formato .dxf.

 

Oltre alla spinta del terreno il software prevede l’inserimento di carichi concentrati o distribuiti, lineari o trapezi, agenti sul profilo del terreno, alla quota desiderata e su ogni elemento strutturale. Per ogni carico va indicata la tipologia, in modo che nella generazione automatica dei casi di carico vengano applicati i giusti coefficienti moltiplicatori.
Le combinazioni di carico sono generate in automatico in funzione dell’approccio scelto, oppure possono essere create autonomamente dall’utilizzatore.

IS Muri esegue la verifica dell’elemento strutturale in ogni sua sezione significativa secondo il metodo agli Stati Limite Ultimi e di Esercizio, secondo quando previsto dalle NTC 2008 e dagli Eurocodici (implementa le indicazioni di EN1992-1-1, EN1996-1-1, EN1997-1, EN1998-1 e EN1998-5 per tutte le verifiche eseguite), secondo i diversi approcci di progetto previsti dalle Normative. L’analisi può essere svolta in condizioni statiche e dinamiche.

 

Il profilo del terreno, sia a monte che a valle, è rappresentato da una spezzata i cui vertici possono essere facilmente spostati dall’utilizzatore con il mouse.
Il terreno può essere composto da più strati le cui caratteristiche sono assegnabili in modo rapido, a seconda che sia coesivo, non coesivo o roccia. Ad ogni strato si associa un'inclinazione che può essere differente tra monte e valle. IS Muri consente la definizione di un materiale di riempimento sopra la mensola di fondazione di monte, con effetto sui calcoli delle spinte in particolare in caso di terreni rimaneggiati (aventi grado di compattazione minore e quindi maggiormente "spingenti") o più pesanti (che vanno quindi a dare un contributo positivo alla stabilità dell'opera di sostegno). La falda può avere quote ed inclinazione differenti a monte ed a valle; occorre indicare, inoltre, la quota di inversione che potrà essere libera, cioè specificata dall’utente, o impostata automaticamente nel punto medio della fondazione.

IS Muri esegue le verifiche a ribaltamento, a scorrimento, a capacità portante e a stabilità globale.
Il metodo impiegato per il calcolo delle spinte è quello del "cuneo di tentativo" o di Culmann, se si è scelto come metodo "ka" (coefficiente di spinta attiva), altrimenti utilizza il coefficiente di spinta a riposo, se si è scelto come metodo  "k0". Grazie al metodo del Cuneo di Tentativo IS Muri è perfettamente in grado di calcolare la spinta in presenza di pendio di forma qualunque, anche multistrato, in presenza di strati inclinati, di carichi e di falda.
La capacità portante della fondazione è, invece, calcolata secondo le teorie di Terzaghi, Meyerhof, Vesic, ecc.

La verifica di stabilità globale è svolta secondo i metodi di Fellenius e di Bishop. Impostata una maglia di centri il programma genera in modo automatico le possibili superfici di scorrimento e ne valuta il fattore di sicurezza, tenendo conto di pali e di tiranti.
Sono implementate le verifiche a SLE in fondazione: limite alla tensione del calcestruzzo, limite alla tensione delle armature, apertura delle fessure. La verifica a fessurazione è opzionalmente disattivabile da parte dell’utente, separatamente per la parte strutturale.

La verifica dei tiranti eventualmente inseriti viene eseguita secondo il metodo proposto e discusso da Bustamante e Doix, distinguendo nei risultati la parte di verifica strutturale dell' acciaio dei trefoli dei tiranti dalla verifica geotecnica del bulbo di ancoraggio.

 

Un'apposita finestra mostra lo stato deformativo e tensionale della sezione interessata lungo il fusto del muro. E' possibile visualizzare la deformata del modello ad elementi finiti e, sui singoli vertici di questi, sono valutabili gli spostamenti orizzontali e verticali.
I risultati sono tutti consultabili anche nella schermata principale del programma, questi riguardano le pressioni, lo sforzo nomale, il momento ed il taglio sul fusto e sulla fondazione, le sottospinte idrauliche e le verifiche geotecniche. La rappresentazione avviene tramite diagrammi colorati affiancati da scala graduata che ne velocizzano la lettura. In corrispondenza di pali e tiranti sono riportate le sollecitazioni corrispondenti e le relative verifiche.

 

Delle funzioni "macro" consentono, inoltre, di creare rapidamente, grazie all’inserimento di pochi dati e a una procedura guidata, un muro composto da due conci o un muro a contrafforti (sia lato monte che lato valle). Un'altra "macro" di tipo geotecnico permette di generare velocemente un terreno composto da più strati, definendone le caratteristiche geotecniche ed un'ultima consente di impostare un muro di cantina (attivando il vincolo in testa, impostando k0 come metodo di calcolo delle spinte e bloccando la fondazione).

Single Image

Vai al sito in inglese

 

 

 

 

 

 

Esegue la verifica meccanica a pressoflessione e taglio dei pali

Single Image
 

 

Single Image
 

 

Single Image
 

 

Single Image
 

 

Single Image
 

 

Single Image

 

Un visualizzatore consente di vedere il muro, l’armatura, i pali e i tiranti eventualmente inseriti, in 3D. Tramite la rotella del mouse è possibile muoversi agevolmente nello spazio circostante il muro, ruotarlo, avvicinarlo o allontanarlo.
La relazione finale riporta tutti i dati di progetto, le scelte eseguite, i risultati della verifica per ogni caso di carico e la tavola delle armature. È possibile personalizzarne i contenuti scegliendo quali capitoli e sottocapitoli inserire; un'anteprima mostra a video le scelte fatte.
Tale relazione può essere creata nei formati RTF (.rtf), HTML (.html), Word® (.doc) oppure testo (.txt). Ogni grafico e la relazione possono essere stampati su dispositivo gestito da Windows.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CDM DOLMEN e omnia IS srl - P. IVA 06965140012 - Via Drovetti 9F, 10138 Torino

Tel.: 011 4470755 - Fax: 011 4348458 - mail:dolmen@cdmdolmen.it

Seguici su:

Guarda i nostri video su YouTube